5. Sommario
 

In questo articolo ho cercato di analizzare il complesso fenomeno sociale e culturale dei beur, conseguenza dell'immigrazione algerina in Francia. Questi giovani nati da genitori algerini non sono spesso accettati nÚ dalla societÓ francese nÚ da quella algerina. Per di pi¨ anche se essi si definiscono francesi, i beur sottolineano una loro peculiare identitÓ culturale, che ho indicato come beur-culture. La musica ra´ Ŕ una espressione culturale sia per gli algerini immigrati che per i beur. Il ra´ ha oggi un ampio successo internazionale grazie alle maggiori record companies che lo propongono all'interno della categoria world music. Proprio perchÚ la musica ra´ Ŕ estremamente eterogenea sia i beur che gli immigrati, per differenti ragioni, l'hanno scelta come musica rappresentativa della loro identitÓ. 

L'eterogeneitÓ della musica ra´ Ŕ un punto importante poichÚ Ŕ una caratteristica peculiare di questo repertorio e scaturisce dalle dinamiche culturali che lo hanno coinvolto. Eventi quali l'emigrazione – interna e all'estero –, il colonialismo e il mercato stesso hanno agevolato lo sviluppo di tali dinamiche. Ho usato il concetto di di musical transculturation (Margaret Kartomi 1981) per spiegare come l'incontro con culture profondamente diverse tra loro abbia prodotto differenti fasi di musical transculturation e abbia permesso l'esistenza di molti stili differenti e distinti di ra´. 

Il mercato e la ricerca di nuovi consumatori risulta essere oggi uno dei fattori pi¨ rilevanti di trasformazione del ra´. Talvolta le stesse record companies hanno sviluppato/stimolato nuovi stili di musica ra´ allo scopo di incrementare il suo pubblico. Ho suggerito in questo articolo di usare in questo caso il concetto di cultural mobility usato da Breen (1995) per indicare tale politica. 

Per˛, perchÚ un nuovo genere o stile musicale sia veramente considerato come tale deve essere riconosciuto da un significativo gruppo di persone come rappresentante della loro propria identitÓ. Grazie al concetto di sound group (Magrini 2000) ho identificato questi rilevanti gruppi di persone come appunto dei sound group. Possiamo suddividere il pubblico della musica ra´ (con l'esclusione di quello francese) in tre principali sound group: algerini viventi in Algeria, algerini immigrati, e beur

Gross, Mcmurray e Swedenburg (1992) hanno sostenuto che gli immigrati algerini preferiscono la musica ra´ perchÚ Ŕ un repertorio musicale che protegge la loro identitÓ ed etnicitÓ. Ho mostrato che potrebbero esservi altri generi musicali pi¨ funzionali a questo ruolo. Ho inoltre suggerito in questo articolo che la musica ra´ permette agli immigrati di portare a compimento il 'mito del ritorno' attraverso una 'metafora musicale'. Ci˛ Ŕ possibile grazie a un particolare stile di musica ra´, quale quello per esempio di Cheb Hasni, nel quale l'amore per una donna, l'esilio, e la sofferenza sono correlati: le canzoni d'amore per una donna sono traslate dagli immigrati nell'amore per l'Algeria e le pene d'amore nelle sofferenze dell'esilio. 

Attraverso la musica ra´ i beur sono riusciti a mutare nella societÓ francese, la loro immagine negativa. Il mercato musicale con la sua politica di cultural mobility, sta avvantaggiandosi di questa realtÓ alimentando la recente immagine del buon beur

I sociologi francesi definiscono l'identitÓ dei beur come double culture, in altre parole, un'identitÓ irrimediabilmente divisa tra cultura francese ed algerina. Invece, Ŕ mia opinione che essi abbiano un'identitÓ in-between (Bhabha 1996) la cui principale caratteristica Ŕ la capacitÓ d'attraversarne i confini culturali (Bohlman 1997). Attraversare i confini tra cultura algerina e francese significa lo sviluppo di una cultura nuova, la cultura beur, di cui il beur-rai Ŕ diventato un'espressione rappresentativa.


Indice